Benefici fiscali per le donazioni di farmaci

Farmacia | Redazione DottNet | 21/12/2017 21:56

Incluse farmacie, parafarmacie e grossisti

Arriva un forte impulso alle donazioni grazie alle modifiche che estendono i benefici fiscali della legge alla donazione di beni importanti importanza come i prodotti destinati all'igiene e alla cura della persona e della casa, gli integratori alimentari, i biocidi, i presidi medico chirurgici e i prodotti farmaceutici, i prodotti di cartoleria e di cancelleria. A spingere per questi provvedimenti antisprechi è stata la parlamentare Maria Chiara Gadda, Pd.

Per quanto riguarda i farmaci, viene allargata la platea dei donatori, includendo le farmacie, le parafarmacie, i grossisti, le aziende titolari di autorizzazioni all'immissione in commercio di farmaci. Le modifiche alla Legge di Bilancio - spiega Gadda - consentono di estendere i benefici della legge anche ad altri prodotti oltre al cibo ed i farmaci, proseguendo sulla strada della semplificazione burocratica e fiscale, dando maggiore uniformità ed armonia al testo di legge ora peraltro pienamente coordinato con la recente riforma del Terzo settore. La legge è pienamente operativa e in un solo anno ha determinato un forte incremento nelle donazioni con una media del 20%, e nella varietà dei beni recuperati sull'intero territorio nazionale. La diffusione di questi temi e dei contenuti della legge passa anche attraverso iniziative come il portale www.iononsprecoperche.it che ho presentato alla Camera dei Deputati proprio in queste ore assieme ai principali attori della filiera del dono".

Il provvedimento è stato coordinato con la recente riforma del Terzo Settore e i decreti emessi dal governo nei mesi scorsi estendono i benefici fiscali della legge 166 anche agli enti del terzo settore che si iscriveranno nell'istituendo registro unico nazionale.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News