Fnomceo torna ai tavoli per le trattative

Professione | Redazione DottNet | 15/01/2018 12:28

L'Ordine si era ritirato a ottobre in segno di protesta per non essere stato interpellato nel corso della stesura del Ddl Lorenzin

 È stato deliberato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) il rientro in tutti i tavoli ministeriali, dai quali la Fnomceo si era ritirata a ottobre in segno di protesta per non essere stata interpellata nel corso della stesura del Ddl Lorenzin. Lo riferisce la stessa Federazione in un comunicato.   

Ora la Fnomceo ha deciso da una parte di riaprire le collaborazioni, dall'altra di anticipare al prossimo fine settimana le elezioni per il rinnovo dei vertici, in modo che sia il nuovo Comitato Centrale a partecipare, insieme al Ministero della Salute, alla stesura dei decreti attuativi.    E l'assemblea si è aperta proprio con la candidatura di Filippo Anelli, presidente dell'Ordine dei Medici di Bari, a presidente della Fnomceo. Tra i dieci punti del programma di Anelli, il recupero del ruolo del medico nel senso di una maggiore autonomia e libertà dai condizionamenti politici e aziendalistici, la sicurezza degli operatori sanitari, le azioni per attenuare le diseguaglianze di salute sul territorio.  

È questo il primo Consiglio Nazionale del triennio 2018/2021: molti i nuovi presidenti nominati a seguito delle elezioni che hanno coinvolto, a fine 2017, tutti i consigli degli Ordini provinciali che si sono presentati oggi all'Assemblea. Unanime il ringraziamento al presidente uscente, Roberta Chersevani, che ha governato la Fnomceo negli ultimi tre anni e che è stata salutata con una vera e propria standing ovation

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News