Contratto medici, convocati i sindacati: stop allo sciopero

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 14/02/2018 11:51

Ma gli anestesisti Aaroi sono per la linea dura: è una manovra elettorale

L'Aran ha convocato per il 20 febbraio alle ore 10 le organizzazioni sindacali della dirigenza medica veterinaria e sanitaria per l'apertura delle trattative per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di categoria. Lo fa sapere Andrea Filippi, segretario nazionale di Fp Cgil medici e dirigenti che sottolinea: «Vengono meno i presupposti per lo sciopero programmato per il 23 febbraio».

«Si tratta - precisa Filippi - di un primo passo avanti che ci consente di esercitare finalmente l'apertura della contrattazione senza pesare su cittadini e lavoratori". Per la Cgil, questo passo costituisce un motivo per revocare lo sciopero del 23 febbraio. «Questa sarà la posizione che porteremo il 15, data in cui si terrà l'Intersindacale Medica a cui spetta l'ultima parola». «Riteniamo positivo il fatto - conclude - che al tavolo del 20 siano state convocate anche le regioni, dalle quali ci aspettiamo chiarezza sulle risorse economiche».

Di opinione opposta gli anestesisti di Aaroi Emac. Lo sciopero del 23 febbraio si farà "fa sapere  l’Aaroi-Emac, l’associazione Anestesisti Rianimatori Ospedalieri Italiani - Emergenza Area Critica, sottolineando che "la convocazione annunciata dall’Aran non è motivo sufficiente per revocarlo".
 
Per gli Anestesisti "la convocazione Aran era ormai nell’aria, in un clima pre-elettorale che, fino al momento in cui le OO.SS. dei Medici Ospedalieri ed alcune degli Infermieri (grandi assenti, guarda caso, quelle Confederali del Comparto) non hanno annunciato lo sciopero del 23 Febbraio, ha visto la Sanità 'argomento tabù' per tutte le Forze Politiche in corsa per il 4 Marzo. Salvo poi, improvvisamente come ci aspettavamo, - a seguito del malcontento montante dei professionisti sanitari - essere messa "al centro" di promesse multilaterali giocate al rialzo".
 
"Ce ne rallegriamo – hanno detto ancora i rappresentanti di categoria - ma anche in considerazione della recente accelerazione dei Ccnl di altri Comparti del Pubblico Impiego, frettolosamente siglati all'insegna degli ormai mitologici 80 euro,  riteniamo evidente la strumentalizzazione politica  'grazie' alla quale avvengono convocazioni-lampo, prive di reali trattative, improntate ad un 'prendere o lasciare' che si connota come l'ennesima distruzione di trattative sindacali ridotte completamente ad informazione, come denunciato anche da alcune OO. SS. Infermieristiche".

"Le nostre perplessità per una trattativa che incredibilmente, dopo oltre otto anni di chiusura totale – hanno aggiunto gli esponenti l’Aaroi-Emac - andrebbe a sbloccarsi 'casualmente' a pochissimi giorni dal voto rafforzano la nostra convinzione che gli appuntamenti elettorali non possono essere motivo per chiudere la partita contrattuale dei medici con simili presupposti".
 
I Medici che l’Aaroi-Emac rappresenta,  Anestesisti Rianimatori in primis, fanno sapere di "non essere disposti ad accontentarsi di simili scenari,  pur se non ci stupiremo affatto, anche a fronte del loro eventuale verificarsi, di qualche ritiro da una protesta che, nata sotto comuni intenti di rilancio del SSN e dei suoi professionisti, oggi rischia di diventare scomoda soprattutto per il Governo uscente, in favore del quale qualche OS malcelatamente si appresta a far da stampella per la riconferma elettorale dei suoi esponenti, con strategie sindacali di cui, a voler essere ingenui, ci sfuggono gli obiettivi di tutela dei lavoratori che rappresenta".
 
"A meno che il 20 febbraio non vengano proposte condizioni minime per iniziare un confronto, scenario che al momento ci pare sempre lontano, anche nel caso in cui dovessimo protestare da soli, come d’altra parte, di fatto, è già accaduto in passato, per quanto ci riguarda – hanno concluso -  il 23 Febbraio sarà sciopero

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News