Medico GB, tassa sul cioccolato contro l'obesità

Redazione DottNet | 19/03/2009 16:26

Più della passione per praline e barrette può l'attenzione al portafogli. Così David Walker, un medico di famiglia britannico non a caso scozzese, propone di tassare il cioccolato proprio come l'alcol e le sigarette, per contrastare l'aumento di obesità e diabete di tipo 2. L'idea è stata presentata alla conferenza annuale dei medici di famiglia scozzesi della British Medical Association a Clydebank. Ma i colleghi di Walker hanno votato contro la 'chocolate tax'.

''L'obesità è un problema che sta esplodendo - ha detto Walker alla Bbc online - siamo sulla stessa strada degli Stati Uniti. E credo che il cioccolato giochi un ruolo importante. Per alcuni è diventata una pericolosa dipendenza. Penso che una tassa sui prodotti che contengono cioccolato potrebbe fare davvero la differenza". Walker non si arrende e guarda ai numeri: una confezione di cioccolatini da 225 g contiene almeno 1.200 calorie, la metà di quelle raccomandate ogni giorno per un uomo. E si tratta di calorie che possono essere ingurgitate rapidamente. Oltre tutto le notizie sugli effetti benefici del 'cibo degli dei' "illudono molte persone, che mangiano cacao convinti di farsi del bene", sottolinea l'esperto. Infine, in base alla proposta del medico, gli introiti extra ottenuti dalla tassa sul cioccolato potrebbero essere destinati alla lotta all'obesità.

 

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato