Nuove norme per la sicurezza nelle sale operatorie

Redazione DottNet | 19/03/2009 18:31

chirurgia medicina sanità ipoglicemia pediatria

Aggiornate le disposizioni per la sicurezza e l'igiene nelle sale operatorie, con l'obiettivo di minimizzare il rischio degli operatori oltre che dei pazienti: permetteranno una gestione integrata del rischio che tenga conto di fattori strutturali, tecnologici, strumentali del reparto operatorio.

 E' quanto riferito da Antonio Moccaldi dell'Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) nel corso del sesto convegno Nazionale sulle Sale Operatorie in corso all'Università Cattolica di Roma, organizzato dalla Associazione Nazionale Medici Direzioni Ospedaliere. Con questo aggiornamento, ha detto Moccaldi, ''ci stiamo avvicinando ai migliori standard di sicurezza europei e mondiali'' e potremo davvero contribuire ad abbassare gli infortuni, non rari, che avvengono anche tra gli operatori sanitari. Particolare attenzione nelle nuove linee guida è anche riservata alla gestione dei rifiuti e alla qualità dell'aria delle sale, ma anche, ha detto Moccaldi, ai sistemi di protezione individuale dell'operatore contro le infezioni. Inoltre si studieranno nuove metodologie per la prevenzione di infezioni batteriche e virali e ci sarà un monitoraggio continuo della gestione della sicurezza. Tutto ciò rientra in un progetto strategico messo a punto dall'ISPESL, ha concluso Moccaldi, che è stato da poco approvato dal Ministero della Salute.