Fimmg, corsi di formazione sull'appropriatezza prescrittiva

Redazione DottNet | 26/03/2009 19:54

Con la scelta corretta dei farmaci più adeguati al singolo paziente, valutato dal suo medico di famiglia, solo per le malattie cardiovascolari, si risparmierebbero a partire dal 2010 oltre 3 miliardi di euro l'anno, quanto una Finanziaria, prevenendone le conseguenze (infarti e ictus) e quindi i costi per ospedalizzazione e assistenza sociosanitaria.

 I risparmi annui salirebbero a 3,7 mld dal 2020, 4,5 mld dal 2040. E' quanto riferito da Vincenzo Atella della Facoltà di Economia dell'università di Tor Vergata di Roma sulla base di uno studio su oltre 15mila pazienti a rischio cardiovascolare per stimare il risparmio ottenibile solo dando loro i farmaci giusti contro il colesterolo alto. Lo studio è stato presentato nell'incontro della Federazione Italiana Medici Medicina Generale (FIMMG) per annunciare un progetto di formazione sull'appropriatezza prescrittiva: 100 corsi in 88 ASL italiane, per MMG, farmacisti e altri responsabili delle prescrizioni farmacologiche. Solo questo 'piccolo' intervento, spiega Giacomo Milillo, Segretario Nazionale FIMMG, avrebbe delle ricadute enormi sia in termini di salute (prevenzione delle conseguenze dei fattori di rischio cardiovascolare), sia in termini di spesa per il SSN.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato