Scoperto nel cervello il circuito delle prime impressioni

Psichiatria | Redazione DottNet | 27/03/2009 12:48

Scoperto da scienziati americani il circuito delle prime impressioni. L'area del cervello che si attiva quando ci facciamo un'idea su una persona fino ad allora sconosciuta. La scoperta, realizzata da studiosi della new York University e dell'Harvard University, 'fotografa' il modo in cui codifichiamo le informazioni sociali e quindi le valutiamo, per tradurle nei giudizi iniziali. Quando ci troviamo di fronte a uno sconosciuto, questo ci manda informazioni complesse e a volte ambigue, affermano i ricercatori su 'Nature Neuroscience'.

 

Nonostante ciò, non ci vuole molto prima che ci facciamo un giudizio e stabiliamo se lo sconosciuto ci piace oppure no. Le impressioni 'a pelle', secondo un precedente studio, sono relativamente accurate e abbastanza dure da 'scardinare', anche se vengono prese dopo meno di mezzo minuto di osservazione. L'equipe, in questa nuova ricerca, ha esaminato l'attività cerebrale dei partecipanti impegnati a farsi un'idea su 20 individui virtuali, descritti attraverso altrettanti profili con differenti tratti della personalità. A ogni profilo corrispondeva una foto. La risonanza magnetica funzionale ha 'fotografato' un'attività significativa in due regioni del cervello, mentre i partecipanti erano impegnati a farsi le prime impressioni. La prima area cerebrale al lavoro era l'amigdala, nucleo di sostanza grigia nel lobo temporale mediale, coinvolta nell'apprendimento non solo di fronte a oggetti inanimati, ma anche in valutazioni sociali basate sulla fiducia o sull'etnia di altre persone. La seconda era la corteccia cingolata posteriore, nota per il suo ruolo nelle decisioni di carattere economico e nel valore soggettivo assegnato a una ricompensa. Entrambe si 'accendono' quando dando un'occhiata a qualcuno.


 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato