Con la crisi più utenti in parafarmacie e supermercati

Redazione DottNet | 27/03/2009 19:26

Alla costante ricerca di offerte e marche a basso costo, ma anche a causa della crisi, per l'acquisto di farmaci gli italiani si rivolgono sempre più a parafarmacie e supermercati, che nel 2008 hanno raddoppiato le vendite dei prodotti per la salute.

E' emerso da una ricerca Nielsen presentata a un convegno dedicato al mercato farmaceutico. Secondo l'indagine, le farmacie, pur mantenendo il primato con oltre il 90% delle vendite, si trovano ora a dover fare i conti con la crescita del volume di affari dei supermercati e delle parafarmacie, che insieme a fine 2008 hanno rappresentato il 10% del mercato. Anche in tempo di crisi comunque non si può fare a meno delle medicine. Le vendite totali dei farmaci nel 2008, pur segnando un trend positivo, sono scese al +1,3%, quando nel 2007 l'incremento era del 4,8%. ''La farmacia resta il punto di riferimento insostituibile per i cittadini - spiegano gli organizzatori del convegno - il farmacista non può e non deve sedersi sugli allori ma deve puntare sulla professionalità, sull'adeguamento dell'offerta e sulla scelta di modalità innovative per venire incontro alle esigenze della clientela''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato