Malattie rare: a Varese musical 'solidale' per ragazzi, dentisti in campo

Redazione DottNet | 30/03/2009 22:16

displasia-ectodermica protesi-dentarie

Dentisti 'in campo' contro le malattie rare. La fondazione dell'Associazione nazionale dentisti italiani (Andi) ha scelto uno spettacolo, il musical 'Il mondo di Annah', interpretato da soli ragazzi con età massima di 16 anni per sostenere il progetto contro la displasia ectodermica, una malattia rara che ha tra le sue caratteristiche la mancanza di denti, in tutto o in parte. Lo spettacolo - in calendario lunedì alle 20,30 al Teatro di Varese, in piazza Repubblica - ha l'obiettivo di raccogliere fondi che consentiranno di finanziare progetti contro la patologia.

"E' una partnership, quella con 'Il mondo di Annah', che nasce dal cuore e dal comune desiderio di aiutare i bambini che soffrono", spiega in una nota Marco Landi, presidente della fondazione Andi. "Il forte contenuto educativo di questo spettacolo, che gode del
patrocinio del Comune di Varese, ci ha colpito immediatamente - continua Landi - e riteniamo che possa rappresentare un valido strumento per divulgare con maggiore efficacia i temi della solidarietà e dell'impegno sociale. Vediamo accomunati in questo progetto l'entusiasmo e l'impegno dei ragazzi che salgono sul palco a raccontare la significativa storia di Annah e quello dei dentisti e di tutti i medici coinvolti nel difficile compito di dare un sorriso a chi ne è stato parzialmente privato dalla malattia".
La displasia ectodermica, si legge nella nota, è una patologia genetica ereditaria comporta gravi conseguenze a carico di tutti gli 'annessi ectodermici', ovvero cute, ghiandole sudoripare, elementi dentali. Le persone colpite nascono senza la possibilità di avere i
denti, in parte o totalmente, ed è quindi necessario intervenire con terapie protratte per tutto il periodo di crescita, dunque da zero a 18 anni e oltre. La fondazione ha creato una rete di dentisti Andi su tutto il territorio nazionale che può fornire cure agevolate ai
bambini colpiti, per i quali è necessario spesso approntare protesi dentarie sin dai primi anni di vita.