Dopo 60 anni approvato un nuovo farmaco contro la malaria

Infettivologia | Redazione DottNet | 24/07/2018 15:01

Bene la terapia per le forme recidivanti: colpisce il parassita 'nascosto'

 Per la prima volta da 60 anni c'è un nuovo farmaco per la malaria. L'Fda ha approvato il Krintafel (tafenoquina), diretto contro la forma recidivante della malattia che colpisce ogni anno 8,5 milioni di persone.  Questa forma della malattia, spiega il comunicato della GlaxoSmithKline, l'azienda che ha messo a punto la terapia, colpisce soprattutto in Asia, America Latina e nel corno d'Africa.

La tafenoquina colpisce il parassita che provoca la malaria quando è nella forma 'dormiente', quando si 'nasconde' nel fegato, e va dato quindi in aggiunta a quelli per debellare il parassita quando è nella fase attiva. La terapia è riuscita a prevenirne il ritorno per almeno sei mesi con una singola dose, ed è stata approvata per i pazienti a partire dai 16 anni.  L'approvazione - afferma Hal Barron, Chief Scientific Officer di Gsk - è una pietra miliare e un contributo significativo allo sforzo di eradicare la malattia".  Nel mondo, afferma l'Oms, più di 200 milioni di persone ogni anno sono vittime della malaria, che fa oltre 500mila morti, soprattutto bambini. 

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News