Aifa: il Ministero sceglie come direttore generale Luca Li Bassi

Aifa | Redazione DottNet | 05/09/2018 19:05

Grillo: riporto in Italia un cervello in fuga

Luca Li Bassi è il nome che il Ministro della Salute Giulia Grillo proporrà alla Conferenza delle Regioni per la carica di direttore generale dell'Agenzia italiana del Farmaco (Aifa). Il parere della Regioni comunque non è vincolante. Li Bassi, che è stato selezionato tra i 93 candidati che hanno inviato il loro curriculum, è milanese, medico chirurgo, esperto di management sanitario e sanità pubblica, con una lunga attività internazionale in materia di gestione e rimborsabilità dei farmaci ed ora responsabile presso l'Agenzia Iaea (Agenzia internazionale per l'energia atomica) di Vienna. Li Bassi quindi dovrebbe prendere il posto di Mario Melazzini, il cui mandato in Aifa è scaduto proprio ieri e non è stato rinnovato.

"Mi prendo il merito di riportare in Italia un cervello in fuga", ha detto il ministro Grillo in una nota. E ha aggiunto: "Ho incontrato gli interessati potenzialmente idonei a ricoprire l'incarico, e ho valutato che il profilo del dottor Li Bassi mette insieme l'esperienza manageriale, l'indipendenza, la competenza in ambito farmaceutico, le capacità indispensabili per favorire una seria riforma della governance del farmaco, tale da consentire la sostenibilità del sistema e il miglioramento dei servizi al cittadino". La titolare del dicastero della Salute ha tenuto anche a sottolineare: "La scelta operata in totale trasparenza di un esperto di livello internazionale, sganciato da vecchie logiche di appartenenza politica, è un primo segnale forte che io e il Governo intendiamo dare perché le nomine siano sempre più indipendenti".

E ha aggiunto che tra i primi compiti che affiderà al nuovo Dg, c'è sicuramente quello di mettere l'Aifa in grado di garantire a tutti i pazienti i trattamenti innovativi che la ricerca mette a disposizione. "Sono convinta - ha spiegato - che la gestione delle risorse destinate al sistema farmaceutico possa essere effettuata in modo decisamente più efficiente di quanto avvenuto finora e proprio per questo ho individuato un nuovo direttore generale". A breve dovrebbe essere proposto dalla Conferenza delle Regioni anche il nuovo presidente, in sostituzione di Stefano Vella, che si era dimesso il 25 agosto in segno di protesta per il trattamento che avevano ricevuto i migranti trattenuti per dieci giorni sulla nave Diciotti in porto a Catania

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News