Per insegnare la rianimazione cardiopolmonare arriva la realtà virtuale

Cardiologia | Redazione DottNet | 21/09/2018 10:31

Un nuovo software suggerisce agli operatori sanitari quando è il momento più appropriato per defibrillare

L'adrenalina per far ripartire il cuore, la realtà virtuale per insegnare la rianimazione cardiopolmonare a tutti, un nuovo software che suggerisce agli operatori sanitari quando è il momento più appropriato per defibrillare: sono alcune delle novità che saranno al centro del congresso "Nuove tecnologie in rianimazione" organizzato dal 20 al 22 settembre a Bologna dallo European Resuscitation Council. L'arresto cardiaco ogni anno colpisce circa 60.000 italiani e 400 mila persone in Europa: per sensibilizzare su questo tema l'Italian Resuscitation Council (Irc), emanazione italiana dell'organizzazione europea, promuove dal 15 al 21 ottobre "Viva! la settimana per la rianimazione cardiopolmonare" con incontri e dimostrazioni pratiche in tutta Italia. Evento clou il 16 ottobre con "World Restart A Heart", che da quest'anno diventa la giornata mondiale di sensibilizzazione come iniziativa globale.    In Italia, fa sapere Irc, si stima che solo nel 15% dei casi viene eseguita una rianimazione prima dell'arrivo dei soccorsi.    Se la percentuale aumentasse dal 15% al 50/60%, grazie ad un intervento tempestivo e mirato, si potrebbero salvare 100.000 persone ogni anno

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News