Integratori alimentari: un Position dedicato ai medici per una gestione del paziente in fase di prevenzione primaria

Associazioni | FederSalus | 21/09/2018 17:53

Gli integratori alimentari hanno un ruolo importante nella pratica clinica dei Medici di Medicina Generale, FederSalus ha elaborato un Position Paper dedicato ai medici, patrocinato da SINut, con l’obiettivo di rispondere al loro bisogno informativo.

Le patologie croniche sono strettamente collegate all’avanzare dell’età e la loro gestione rappresenta la voce che maggiormente incide sui costi del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). In Italia, dove, secondo i dati ISTAT, l’invecchiamento della popolazione supera di qualche punto percentuale quello della media europea ed è in aumento, intervenire prima che la malattia si trasformi in un problema di salute diventa fondamentale. Promuovere la prevenzione primaria, attraverso alimentazione, attività fisica e stili di vita sani e, laddove questi non fossero sufficienti, valutare la possibilità di intervenire con una integrazione alimentare sicura ed efficace: tutto questo può favorire l’active aging e ridurre in futuro il numero di persone che si ammalano e necessitano di cure. In questo contesto, quindi, l’integratore alimentare può svolgere un ruolo chiave in fase di prevenzione primaria e nell’ambito di un corretto stile di vita favorendo il mantenimento dello stato di salute degli individui e contribuendo al contenimento dei costi del SSN.

Da un’indagine GfK emerge come i Medici di Medicina Generale (MMG) rappresentino la prima figura di riferimento per il 38% dei consumatori di integratori alimentari, che in Italia sono in totale 32 milioni. A loro volta, gli MMG, secondo i dati dell’indagine, consigliano abitualmente integratori ai loro pazienti.

Consapevole del ruolo fondamentale di counselor degli MMG, FederSalus ha prodotto un Position Paper, patrocinato da SINut- Società Italiana di Nutraceutica, rivolto a tali professionisti con l’obiettivo di supportarli nella loro pratica clinica, rispondendo ad un bisogno informativo rilevato anche da una survey svolta nell’ambito del progetto IntegrInforma1. La survey, che ha coinvolto 200 MMG, ha mostrato l’elevato interesse della maggior parte dei medici intervistati a ricevere aggiornamenti costanti sugli “studi clinici” relativi agli integratori alimentari e ad approfondire la conoscenza su questa tematica al fine di migliorare la capacità di utilizzo degli integratori alimentari nella propria attività.

Il Position Paper contiene informazioni che vanno dalla definizione di integratore alimentare e del contesto regolatorio, alle evidenze scientifiche circa i benefici, a partire da una macro ripartizione tra la categoria più tradizionale che risponde a logiche di utilizzo per il sostegno di tono e rinforzo energetico a quella che riguarda un utilizzo più complesso che risponde invece a logiche di utilizzo in ottica di prevenzione primaria.

 Gli integratori che rispondono a bisogni più complessi possono essere un valido strumento di prevenzione primaria, dunque laddove la malattia non si sia ancora manifestata.

Le cinque aree principali di intervento individuate nel Position Paper sono: benessere cardio – metabolico, benessere muscolo – scheletrico, benessere mentale ed invecchiamento, benessere uro - ginecologico e benessere gastro-intestinale.

Area cardio – metabolica

Le malattie del cuore rappresentano ancora la principale causa di morte nel nostro Paese. Cattive abitudini alimentari, fumo, ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, iperglicemia, sindrome metabolica, diabete, sedentarietà, sovrappeso e obesità sono i principali fattori che aumentano il rischio. In prevenzione primaria è possibile ridurre il rischio cardiovascolare o mantenerlo a livello favorevole intervenendo sui fattori modificabili attraverso un sano stile di vita. Tra gli ingredienti attivi che sono dotati di un claim specifico ammesso per l’area del benessere cardiometabolico vi sono il Riso Rosso Fermentato, la Berberina, i Fitosteroli, gli Acidi Grassi Polinsaturi, i Beta‐Glucani e il Carciofo. Un effetto positivo nell’area del benessere cardio‐metabolico è associato, in base alla letteratura scientifica, anche con riferimento ai Probiotici e all’estratto di Bergamotto.

Area muscolo – scheletrica

Si stima che in Italia ci siano oggi circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini affetti da osteoporosi. Tra gli anziani le fratture osteoporotiche sono una delle maggiori cause di mortalità. Purtroppo, i fattori di rischio più incidenti sono quelli non modificabili legati ad esempio all’età, alla familiarità, a fratture pregresse. Tra quelli modificabili si contano fumo, alcool, ridotta attività fisica. Una corretta alimentazione tuttavia è uno dei metodi di prevenzione più importanti per l'osteopenia; oltre al calcio e alla vitamina D, un'adeguata assunzione di altri elementi minerali (fosforo, magnesio, potassio, rame, zinco) e vitamine (vitamina C, vitamina K) è stata associata ad un miglioramento della salute delle ossa.

Area benessere mentale e invecchiamento

Negli ultimi anni le patologie neurodegenerative stanno aumentando in maniera esponenziale nei Paesi industrializzati. Cattiva alimentazione e sedentarietà, associata ad assenza di stimoli mentali e fattori di rischio cardiovascolari, possono aumentare la probabilità di comparsa di tali patologie. È assodato come un’adeguata quantità di idonei nutrienti sia in grado di promuovere le attività cerebrali. I modelli dietetici mediterranei (MDP) e i composti antiossidanti contenuti in alcuni di essi (polifenoli, vitamine C, E, B12, folati e carotenoidi), possono contrastare gli effetti dannosi dello stress ossidativo nell’invecchiamento del cervello e, di conseguenza, ridurre il rischio di patologie neurodegenerative.

Area uro – ginecologica

Le infezioni delle vie urinarie interessano maggiormente le donne, circa l’80% ne soffre almeno una volta della vita. Gli uomini iniziano ad esserne interessati dopo i 50 anni. Tale area riguarda anche il benessere prostatico e la fertilità. Lo stress ossidativo (OS) rappresenta una delle cause più importanti di infertilità maschile. I fattori di rischio sono legati, tra l’altro, a componenti anatomiche, alla presenza di diabete, alla sfera sessuale, alla mancata compliance alla terapia. Il concetto di prevenzione primaria che è legata ad abitudini comportamentali, igieniche e alimentari, viene necessariamente collegato al concetto di prevenzione di cronicità e recidività. La scelta di utilizzo di integratori alimentari ha avuto una notevole diffusione. Oltre a diverse sostanze presenti nella lista delle “Sostanze e preparati vegetali ammessi” del Ministero della Salute a cui è associato un effetto fisiologico riconducibile al benessere genito‐urinario, è importante fare riferimento ai probiotici, efficaci sui biofilm patogeni vescicali e vaginali e allo zinco che contribuisce alla normale fertilità e alla normale riproduzione.

Area gastro – intestinale

Le malattie gastroenterologiche hanno un impatto importante sulla salute della popolazione, sono infatti tra le prime cause di ricovero ospedaliero. Alimentazione scorretta, sedentarietà, fumo, alcool, obesità e abuso di farmaci sono i fattori di rischio modificabili che influiscono sull’apparato gastro‐intestinale e sul microbiota. In tutti i casi di disbiosi la supplementazione con integratori contenenti probiotici contribuisce a ristabilire l’equilibrio della microflora intestinale. La vitamina E, come potente antiossidante, ha ricevuto parere positivo dell’EFSA sul claim “contribuisce a proteggere le cellule dallo stress ossidativo”. I fitoterapici Frangula e Senna sono inseriti dal Ministero della Salute come sostanze naturali con funzione di regolarizzazione del transito intestinale. Il lattulosio infine è uno zucchero tradizionalmente impiegato per risolvere i problemi di stipsi ed ha ottenuto parere positivo dall’EFSA in quanto “contribuisce ad accelerare il transito intestinale”.

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News