Arriva una nuova classificazione per gli antipsicotici 'atipici'

Farmaci | Redazione DottNet | 25/09/2018 14:50

Studio dell'Università di Pisa, L'Aquila e Londra

Una riorganizzazione e classificazione, sulla base degli effetti collaterali e del meccanismo di azione, degli antipsicotici 'atipici', medicinali utilizzati in diversi disturbi psichiatrici, come schizofrenia e disturbo bipolare, con l'obiettivo di migliorare e personalizzare le terapie. Lo studio, durato tre anni e finanziato dalla Fondazione Arpa, è stato condotto dalle università di Pisa e dell'Aquila e dal Queen Mary University di Londra. I risultati, spiega una nota, sono stati appena pubblicati sulla rivista 'Pharmacology & Therapeutics'. 

Il lavoro ha interessato i cosiddetti antipsicotici 'atipici', farmaci di seconda generazione nati per ovviare agli effetti indesiderati di tipo motorio (come parkinsonismo o discinesie tardive) degli antipsicotici 'classici' o 'tipici'.    "Come si è visto dopo la loro introduzione - spiega il professore Marco Scarselli dell'Università di Pisa - gli antipsicotici atipici hanno dimostrato di essere molto eterogenei e in numerosi casi si sono presentati effetti collaterali di tipo motorio. Per questi motivi, la comunità scientifica ha posto seri dubbi sull'uso della distinzione tra antipsicotici atipici e tipici". "Questa nuova classificazione - conclude - potrà portare ad un miglioramento delle terapie in uso e ad una più accurata personalizzazione delle cure"

 

fonte: Pharmacology & Therapeutics

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato

Ultime News