Garattini: sul Nimesulide ha deciso l'EMEA

Redazione DottNet | 16/07/2008 17:05

Sulle valutazioni degli effetti indesiderati del farmaco antiinfiammatorio a base di numesulide ha deciso l'agenzia europea per la valutazione dei farmaci (EMEA).

E' quanto precisa il farmacologo Silvio Garattini, direttore dell'Istituto Mario Negri di Milano e componente della commissione tecnico scientifica dell'Aifa. Dopo le segnalazioni di tossicità rilevate nei mesi scorsi in alcuni paesi come Irlanda e Spagna, ha spiegato Garattini, si è attivata la procedura di urgent safety restriction a livello dell'EMEA che decide se ritirare o meno il farmaco. ''In questo caso - ha spiegato il farmacologo - l'EMEA ha deciso che il rapporto beneficio-rischio fosse ancora favorevole secondo l'indicazione di non superare alcuni dosaggi giornalieri e per la durata di due settimane''. ''La decisione è dell'EMEA, non dell'Aifa - ha aggiunto Garattini - e coinvolge circa 30 componenti; inoltre - ha aggiunto Garattini - il rappresentante per l'Italia, un farmacologo, non è dipendente dell'Aifa ma è nominato come esperto dal ministro della salute. Si tratta di precisazioni utili per sapere chi è responsabile delle decisioni''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato