Alzheimer, si sperimenta un nuovo farmaco

Redazione DottNet | 14/04/2009 15:03

Un nuovo farmaco, che rimuove una proteina chiave dal sangue dei malati di Alzheimer, ha dato buoni risultati nei primi studi e potrebbe essere usato nel trattamento di questa patologia.

 I primi risultati dello studio, fatto su cinque pazienti e guidato da Mark Pepys dell'University College di Londra, Regno Unito, sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas). Il farmaco, conosciuto con la sigla Cphpc, è stato in grado di rimuovere una proteina chiave nel sangue di cinque pazienti già dopo tre mesi di trattamento. La proteina è il cosiddetto componente amiloide P del siero (Sap), una proteina presente nelle placche e nelle strutture che si formano a livello delle cellule nervose e che provocano la degenerazione dei neuroni tipica del malato di Alzheimer. Ora dovrebbe cominciare lo studio su un numero maggiore di malati. ''La scomparsa della proteina Sap dal siero dei malati di Alzheimer - ha dichiarato Pepys - è stata una sorpresa, come anche il fatto che il farmaco riesca a penetrare nel cervello. Unito con l'assenza di effetti collaterali, il nuovo farmaco potrebbe proteggere contro il lento declino cerebrale cui i malati di Alzheimer vanno incontro''.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato