Prevenzione dei farmaci antinfiammatori non steroidei causanti gastropatia

Redazione DottNet | 16/04/2009 15:28

fans prevenzione

Uno studio fatto presso la “University of Washington School of Medicine”di Washington ha rivolto la sua attenzione ai FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e ai problemi ad essi associati. Questi farmaci infatti sono largamente usati per le loro proprietà analgesiche, antipiretiche e antinfiammatorie e l’aspirina è sempre più impiegata nella prevenzione primaria e secondaria delle malattie cardiovascolari e nell’ictus ischemico.

Malgrado la loro indiscussa efficacia terapeutica, tutti i FANS hanno presentato un rischio notevole di ulcera peptica e di emorragia superiore gastrointestinale. Sempre più prove sostengono un’ associazione tra la “non-aspirin NSAIDs” e la sindrome acuta coronarica, inoltre una maggiore chiarezza degli effetti che l’aspirina ha nel tratto gastroduodenale e le controversie alimentate dall’uso dei FANS riguardano gli agenti selettivi per la COX2, il clopidogrel e l’Helicobacter pylori. In questa recensione , analizziamo il rischio rivolto ai pazienti che fanno uso di FANS e quindi la loro associazione con farmaci gastroprotettivi per ridurre l’incidenza dell’emorragia gastrointestinale. La precauzione per le gastropatie causate dai FANS è un importante risultato clinico, e le strategie terapeutiche sono in continuo sviluppo per la prevenzione sia primaria che secondaria degli effetti avversi.

Per saperne di più