Ssn, convenzione per l'Azacitidina

Farmaci | Redazione DottNet | 16/04/2009 22:14

Entra nell'elenco dei farmaci erogabili a carico del Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) ma in attesa di autorizzazione l'azacitidina, il farmaco che prolunga la sopravvivenza dei pazienti affetti da malattie del midollo.

Lo ha reso noto la Celgene, l'azienda che produce la molecola in commercio con il nome di Vidaza. L'elenco, previsto secondo la legge 648 del 1996, consente di prescrivere ed erogare a carico del Ssn farmaci innovativi già autorizzati all'estero. Le sindromi mielodisplastiche (Smd) sono malattie del midollo in cui le cellule del sangue non maturano completamente e non si differenziano in globuli bianchi, rossi e piastrine. L'azacitidina è un farmaco che permette di ristabilire la normale crescita delle cellule del midollo. Grazie a questo trattamento, nei pazienti affetti da Smd diminuisce o scompare il fabbisogno trasfusionale, si riducono le infezioni e i ricoveri ospedalieri e diminuisce la progressione verso la leucemia acuta. ''L'inserimento di azacitidina nell'elenco dei farmaci a carico del Ssn - ha affermato Giorgio Lambertenghi Deliliers, direttore del Dipartimento di Ematologia Ospedale Maggiore di Milano - è il riconoscimento dell'importante beneficio che questo farmaco offre ai pazienti in termini di sopravvivenza e di qualità di vita''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato