Diabete: in bici da Massarosa a Gerusalemme per sconfiggere pregiudizi

Redazione DottNet | 04/08/2008 11:52

Sulle due ruote da Massarosa (Toscana) a Gerusalemme per sconfiggere i pregiudizi sul diabete.

E' l'impresa ciclistica di Mauro, atleta per diletto affetto dalla patologia, che stamattina ha finalmente tagliato il traguardo. Ha pedalato per ben 4.700 km in 30 giorni, attraversando 10 Paesi dell'Europa e dell'Asia.
Mauro, associato all'Associazione nazionale italiana atleti con diabete (Aniad), non è nuovo a tali imprese. Basti pensare che negli anni scorsi ha raggiunto pedalando Capo Nord, Fatima e l'Olanda. L'impresa di Gerusalemme testimonia ancora una volta che una gestione attenta e responsabile della propria patologia consente di raggiungere obiettivi ambiziosi, anche per quelle persone che sin da bambini hanno dovuto sottoporsi a terapia insulinica. "L'impresa di Mauro Talini - spiega Gerardo Corigliano, presidente dell'Aniad, associazione che organizza molte iniziative sportive di questo genere - è un segnale di grande ottimismo per i giovani con diabete e le loro famiglie". La pedalata Massarosa-Gerusalemme è stata sostenuta dalla campagna mondiale 'Changing Diabetes', promossa da Novo Nordisk con lo scopo di contribuire, attraverso l'informazione, a cambiare il modo in cui il diabete è percepito, migliorando la qualità della vita delle persone con diabete.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato