Dialisi, esperti a confronto su nuove tecniche salvavita

Redazione DottNet | 28/04/2009 12:58

Individuare e illustrare le nuove tecniche per permettere ai pazienti in emodialisi, circa 50 mila in Italia, l'inserimento delle fistole necessarie ad applicare le terapia salvavita.

 

E' questo il filo conduttore del sesto congresso della 'Vascular Access Society', svoltosi nella capitale il 22 aprile, presieduto da Salvatore Di Giulio, direttore del Dipartimento trapianti e della nefrologia e dialisi dell'ospedale San Camillo di Roma. Durante i lavori del congresso, a cui hanno partecipato esperti di tutti i Paesi europei, sono state concretamente illustrate molte nuove tecniche che allungano la durata delle fistole e quindi la vita dei pazienti. L'Italia, in questo settore della medicina e nella ricerca di nuove soluzioni, è in prima fila. Dalla fine degli anni '90, infatti, nel nostro Paese si è sviluppata una 'superspecializzazione' per gli accessi vascolari in dialisi. Un settore multidisciplinare a cui concorrono, in Italia come nel resto del mondo, nefrologi , radiologi interventisti, chirurghi vascolari, angiologi, cardiologi.

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato