Malati oncologici, spingere per la loro inclusione nel mondo del lavoro

Redazione DottNet | 28/04/2009 15:39

oncologia sanità

''Bisogna lavorare di più sui contratti dei lavoratori per garantire maggiori modi di inclusione dei malati oncologici. A tal fine ritengo utile incontrarsi con i sindacati confederali per approfondire meglio i criteri''.

 Così il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, parlando alla presentazione della IV Giornata nazionale del malato oncologico. Il ministro ha ricordato la possibilità per i malati di cancro di beneficiare del tempo parziale, introdotta nella legge Biagi, che ''è stata una risposta al bisogno di vita normale che aiuta a sconfiggere questo male. Bisogna lavorare di più su questo fronte. Un altro punto su cui intervenire ritengo sia quello dell'erogazione in modo uniforme e rapido dell'invalidità ai malati, ora divisa tra Inps e Regioni''. Il problema fondamentale, ha concluso Sacconi, ''rimane la spaccatura tra Centro-Nord e Sud del Paese, tra buoni e cattivi sistemi, soprattutto per quel che riguarda l'assistenza domiciliare sul territorio. Penso che il federalismo fiscale potrà essere un aiuto per gestire meglio le risorse e i servizi''.