Riforma della legge 180

Psichiatria | Raffaello Papeschi | 01/05/2009 19:38

Il file che ho allegato come immagine di testa è un disegno di legge di rigforma della legge 180/78, che purtroppo ha creato più problemi di quanti ne abbia risolti. Basaglia ha creduto di poter curare i malati psichici senza "istituzioni" ospedaliere, mentre invece un'istituzione a tipo di comunità terapeutica è necessaria per gli psicotici veri. Nel vecchio Ospedale Psichiatrrico confluivano pazienti che non erano psicotici veri, cioè persone con disagio sociale, per le quali la chiusura dell'OP e il passaggio a "strutture alternative" è stata un bene. C'erano inoltre pazienti affetti da psichiatria organica (demenza senile, alcoolismo, epilessia cronica grave etc.) per i quali sarebbe stato opposìrtuno il passaggio in strutture di tipo medico-geriatrico e non psichiatrico. Ma c'erano infine gli psicotici veri, che non si possono curare nè a casa nè in strutture alternative, e neanche nel Servizio di Diagnosi e Cura, che è peggio del vecchio manicomio, un vero lager. Bisogna avere il coraggio di rivedere questo mostro sacro, che per tanti anni è stao un tabù, specie della sinistra, che non ha capito che lei più danneggiatei dalla mancanza di un'adeguata assistenza psichiatrica sono proprio e classi meno abbienti.

Raffaello Papeschi

 

 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato