Lazio, medici pronti a scioperare

Sindacato | Redazione DottNet | 02/05/2009 19:04

''Proclamiamo lo stato di agitazione e siamo pronti a scioperare con azioni sindacali a livello regionale e aziendale e un'assemblea che potrebbe culminare anche in uno sciopero generale se Marrazzo non deciderà di riallacciare un dialogo e un confronto sulle priorità che riguardano la sanità del Lazio''.

 Lo ha detto il segretario laziale del sindacato dei medici dirigenti 'Anaao- Assomed', Donato Antonellis criticando il presidente della Regione Piero Marrazzo che ''non ci sta interpellando da quando è iniziato il commissariamento della sanità della Regione''. Oltre all'Anaao-Assomed Lazio, la vertenza sindacale contro la Regione è mossa anche dalla Confederazione sindacale medici e dirigenti (Cosmed). Entrambe accusano Marrazzo di ''gravi inadempienze'', tra cui ''la mancata convocazione dei sindacati dei medici per la trattativa decentrata a livello regionale sui contratti integrativi aziendali, prevista entro il 15 gennaio'', ''la mancata stabilizzazione dei precari, che entro giugno saranno licenziati'' e ''la mancanza di una legge sull'accreditamento istituzionale delle strutture private''. Antonellis ha anche lamentato l'assenza di una programmazione in tutte le Asl degli atti aziendali e il fatto che, sulle convenzioni Università-Regione, si stia ''procedendo senza aver interpellato i sindacati dei medici, continuando a dilatare la spesa a favore delle università pubbliche e private''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato