Diabete: 2% bimbi Usa malato come adulti, anche italiani a rischio

Redazione DottNet | 04/08/2008 12:19

diabete neonatologia

Il diabete dei grandi minaccia i bambini. E a fotografare il fenomeno, denunciato da tempo dagli esperti italiani, ci sono ora i primi numeri. Almeno negli Usa.

"Una rilevazione recente ha calcolato che fra i bimbi e i teenager americani i casi di diabete di tipo 2 (adulto) sono ormai il doppio di quelli di tipo 1 (giovanile). Fino a due giovanissimi statunitensi su 100 soffrono già di diabete adulto" e il rischio non risparmia i baby-italiani. Parola di Franco Folli, direttore della Divisione di Diabetologia dell'University of Texas Health Science Center di San Antonio, intervenuto a Milano al VII Convegno Diabete-Obesità in corso all'università degli Studi meneghina.
"Se il diabete di tipo 1 (insulino-dipendente) riguarda oggi lo 0,5-1% della popolazione pediatrica americana - riferisce l'esperto - possiamo stimare che quello di tipo 2 (non insulino-dipendente) interessi ormai l'1-2%". Sotto accusa l'epidemia di sovrappeso e obesità, che anche nella Penisola colpisce almeno un terzo di bimbi e adolescenti. Al momento, sfogliando gli Annali 2007 dell'Associazione medici diabetologi (Amd) italiani, si può dire che per ogni 10-20 bimbi con diabete 1 ce n'è solo uno malato di diabete 2. Ma i dati riguardano le persone già diagnosticate e assistite dai centri specialistici, che fino a poco tempo fa non si interessavano specificatamente di bambini: "Cinque anni fa in Italia non esistevano ambulatori di diabetologia pediatrica - evidenzia Paolo Cavallo Perin, presidente eletto della Società italiana di diabetologia (Sid) - mentre adesso ci sono" e contribuiranno a far luce su cifre ancora incerte o incomplete. Anche fra gli adulti, infatti, nel Belpaese si calcolano 4 milioni di diabetici di tipo 1 e 2, di cui ancora un milione è tuttavia 'orfano' di diagnosi.