Resezione endoscopica delle prime neoplasie esofagee e gastriche

Gastroenterologia | Redazione DottNet | 05/05/2009 15:16

Grazie ad uno studio svolto presso il Dipartimento di Gastroenterologia del “Medical School of the University of Mainz” in Germania, è stato evidenziato come la tecnica della resezione endoscopica abbia consentito ai gastroenterologi di rimuovere lesioni premaligne o neoplastiche lungo il tratto gastrointestinale.

Questo studio, in particolare, analizza le molteplici tecniche della resezione endoscopica che risultano essere molto utili soprattutto nelle prime fasi del carcinoma dell’esofago e dello stomaco. Si è inoltre dimostrato come sia necessaria, prima di effettuare la resezione endoscopica, un’attenta valutazione dei pazienti e dello stato delle loro lesioni. Dopo la resezione endoscopica della neoplasia è fondamentale effettuare una valutazione istologica di tutto il campione con analisi istologiche dettagliate del livello di infiltrazione. Il primo studio fatto su un gran numero di pazienti conferma l’eccellente efficacia della resezione endoscopica che consente di ottenere un buon differenziamento delle lesioni della mucosa senza avere invasioni linfatiche.

Per saperne di più:

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato