Sindrome metabolica: nuove prospettive per una corretta terapia!

Redazione DottNet | 05/05/2009 22:47

diabete-mellito dislipidemia insufficienza-beta-cellulare iperinsulinemia demenza

Grazie ad uno studio, svolto presso il Dipartimento di Medicina Interna del “Michigan State University/Kalamazoo Center for Medical Studies” negli Stati Uniti, è emerso che la sindrome metabolica, anche conosciuta come sindrome dismetabolica, MetS, sindrome di Reaven, sindrome X e sindrome insulino-dipendente, è un problema ben riconosciuto e fin troppo spesso incontrato e comporta diverse conseguenze anche nel settore economico.

In questo studio sono considerati vari aspetti della sindrome metabolica come: l’insulino-resistenza con intolleranza al glucosio, l’ipertensione, l’insufficienza beta-cellulare, l’iperinsulinemia, il diabete mellito, la dislipidemia, e il rilascio nella circolazione sanguigna sia di fattori infiammatori che di quelli che favoriscono la coagulazione. Inoltre, riguardo la gestione dell’adolescente, sono stati considerati anche i problemi di natura psicologica. Infatti ci sono grandi aspettative riguardo i giovani, sulla base delle conoscenze che abbiamo attualmente, ma purtroppo ci sono ancora tanti ostacoli da superare in merito: i medici sono ancora alla ricerca di un valido metodo di terapia e trattamento per gli adolescenti e attualmente ancora non sono evidenti prospettive di successo.

Per saperne di più