Nuova influenza, il Canada sequenzia il genoma del virus

Redazione DottNet | 06/05/2009 19:17

Comincia a fare meno paura il virus A/H1N1: il Canada ha infatti annunciato di avere effettuato nei suoi laboratori il primo sequenziamento del genoma del virus.

 Si tratta di un passo avanti importante, soprattutto per quanto concerne la creazione di un vaccino. Un primo lotto, secondo quanto annunciato dall'Oms, potrebbe essere disponibile in 4-6 mesi. Il 14 maggio, un comitato di esperti discuterà, in base alla situazione che verrà a crearsi nei prossimi giorni, la possibilita' di chiedere alle aziende produttrici di vaccini di interrompere la produzione di quelli stagionali a favore di vaccini contro il virus dell'influenza A/H1N1. CASI A QUOTA 1.658 - La situazione è comunque monitorata costantemente: gli esperti dell'Oms hanno spiegato che in base alle analisi effettuate fino ad oggi la struttura del virus non è mutata. L'organizzazione mondiale della Sanità ha, comunque, aggiornato al rialzo i casi confermati: al momento sono 1.658 sparsi in 23 Paesi. I morti restano 30. FAZIO, SITUAZIONE STABILIZZATA - Anche in Italia la diffusione della Nuova Influenza sembra sotto controllo. ''La situazione si è stabilizzata'', ha affermato il sottosegretario alla Salute, Ferruccio Fazio. Oggi non si sono registrati nuovi casi e il bilancio resta fermo ai cinque confermati nei giorni scorsi. ''Sicuramente ci saranno altri episodi - ha detto Fazio - ma il fenomeno è in attenuazione. Gli italiani, inoltre, hanno compreso bene che non si tratta di un pericolo imminente e particolarmente grave, sono abbastanza tranquillo anche se proseguiremo, anche la prossima settimana, gli incontri con l'Unità di emergenza''. Il ministero ha ribadito l'invito a non acquistare gli antivirali via internet perchè può essere pericoloso. ''Non solo vengono venduti a prezzi maggiorati - ha spiegato il sottosegretario - ma possono essere falsi e presentare dei rischi per la salute''. CALA MERCATO CARNE SUINA - Dal canto suo il ministro dell'Agricoltura, Zaia, ha lanciato l'allarme per quanto riguarda il consumo della carne suina. ''Si sono contratti i consumi di carne di maiale - ha affermato - e i prezzi sono crollati da 1,50 euro al kg a 1,035. La nostra grande preoccupazione è che in queste ore i suini allevati non sono vendibili, nel senso che commercianti e trasformatori non li ritirano a questi prezzi''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato