Tumore alla mammella, il Lapatinib arriva negli ospedali del Sud

Redazione DottNet | 12/05/2009 19:09

Sarà impiegato a breve negli ospedali del Mezzogiorno il ''Lapatinib'', un nuovo farmaco, somministrabile per via orale da utilizzare nelle forme più aggressive del tumore della mammella.

 Lo ha annunciato a Matera il presidente del Gruppo oncologico dell'Italia meridionale (Goim), Giuseppe Colucci, nel corso di un incontro tra esperti sulla ''nuova opzione terapeutica nel carcinoma mammario ErbB2'': ''L'impiego del nuovo farmaco, nel corso della sperimentazione - ha spiegato Colucci - ha consentito la guarigione del 30 per cento delle donne con forme aggressive di tumore alla mammella la cui progressione, dopo l'inefficacia di terapie standard, era infausta. Le donne in questa condizione rappresentano, secondo la casistica mondiale, una percentuale del 25-30 per cento. I ricercatori, a riguardo, hanno trovato che una piccola molecola (Lapatinib), che ha come bersaglio specifiche proteine sulla superficie delle cellule del tumore mammario, possono inibire la crescita delle cellule del carcinoma alla mammella, che migrano al cervello''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato