Dalla Repubblica: Il rebus delle creme solari "Ecco la protezione 100" Gli esperti: è inutile

Redazione DottNet | 15/05/2009 08:19

È guerra dei numeri negli Stati Uniti per il fattore di protezione nelle creme solari. Una gara a chi lo spara più alto. Gli ultimi prodotti erano 70+ presto scavalcati da due nuove lozioni che garantiscono addirittura 85+. Adesso è arrivata sugli scaffali di farmacie, profumerie e supermercati una crema, la prima al mondo, che vanta un fattore di protezione solare addirittura a tre cifre, e cioè 100+. Al fenomeno il New York Times ha dedicato ieri un lunghissimo articolo, in cui medici ed esperti sono più o meno concordi nel definire questa escalation di filtri solari "soltanto un gioco di numeri che confonde i consumatori".
 

È della stessa opinione la professoressa Carla Scesa, che insegna chimica dei prodotti cosmetici alla Cattolica di Roma. «Il fattore 100 e più è solo una trovata pubblicitaria per impressionare gli acquirenti - sostiene - Un escamotage commerciale e di marketing che non corrisponde alla verità scientifica». E fa un esempio: «un fattore di protezione catalogato dall´Unione Europea come alto, che varia cioè dai 30 ai 50, offre la garanzia - se la crema è applicata in modo corretto - di difendere dalle scottature nel 98 per cento dei casi. Utilizzando una crema con un SPF di 100+ non andiamo certo a raddoppiare la protezione rispetto a un prodotto che ha un fattore di protezione 50. Al massimo potremo passare da una garanzia del 98 per cento a una del 99».
Dettando nuove regole dall´estate 2008 l´Unione Europea ha stabilito anzitutto che la protezione totale non esiste, e dunque le etichette che promettono sun block assoluto, schermo totale & simili sono ingannevoli e fuori legge. Inoltre ha suddiviso i solari in quattro grandi categorie: a protezione bassa (6 e 10), a protezione media (15, 20 e 25), a protezione alta (30, 40 e 50), e infine a protezione molto alta (50+).
«Il resto è lasciato al buon senso - osserva Carla Scesa - È ovvio che le fasce di protezione vanno scelte in base al fototipo di pelle, all´età e naturalmente anche al luogo di vacanza. Un conto è prendere il sole sul Lago di Como a settembre oppure a Pantelleria in pieno luglio». Raccomandazione quasi mai seguita da chi si espone al sole è la quantità di crema da spalmarsi sulla pelle: secondo le indicazioni del ministero della Salute è di due milligrammi ogni centimetro quadrato; si calcola che gli italiani, stakanovisti dei raggi Uva e Uvb, se ne mettano meno di un quarto. Un´evoluzione dei comportamenti comunque si evince dai consumi dei prodotti specifici. Secondo i dati più recenti resi noti dall´Unipro, associazione italiana delle imprese cosmetiche, l´acquisto dei solari nel 2008 è aumentato del due per cento rispetto all´anno precedente ma ben del 32 per cento rispetto al 2002. Segno che abbiamo finalmente acquisito la percezione del rischio. Da segnalare infine il cerotto anti ustioni solari: piccole strisce messe a punto dagli studiosi dell´Università di Glasgow che possono essere utilizzate come braccialetti o etichette per il costume: grazie ad agenti chimici attivati dai raggi si colorano di rosa quando la scottatura è in agguato.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato