Marche, approvate le linee guida per l'uso delle statine

Redazione DottNet | 18/05/2009 16:17

farmaci sanità statine ginecologia osteoporosi

La giunta regionale delle Marche ha approvato le linee di indirizzo per l'uso appropriato delle statine e l'elenco dei farmaci innovativi sui quali la Commissione regionale per l'appropriatezza terapeutica (Crat) ha dato il via libera per l'inserimento nel Prontuario terapeutico ospedaliero.

Il provvedimento, proposto dall'assessore regionale alla salute Almerino Mezzolani, rientra nel Piano di contenimento della spesa farmaceutica ospedaliera, approvato alla fine del 2008. In una nota, Mezzolani sottolinea che ''proprio la razionalizzazione della spesa farmaceutica è stato uno dei fattori determinanti per riportare in equilibrio i conti della sanità marchigiana negli ultimi due anni, consentendo alle Marche di classificarsi ai primi posti tra le regioni più virtuose d'Italia''. In particolare nel 2007, nelle Marche sono state utilizzate statine per un valore complessivo di 27 milioni di euro pari all'8,9% della spesa farmaceutica convenzionata. Un gruppo di lavoro specializzato all'interno del Crat ha pertanto affrontato la razionalizzazione del consumo di questi farmaci, nell'ottica di un incremento dell'appropriatezza prescrittiva e della riduzione degli sprechi. Attualmente, le statine sono indicate per ridurre i livelli di colesterolo, prevenire danni cardio-cerebro-vascolari nei soggetti a rischio, prevenire danni cardio-cerebro-vascolari in tutti quei soggetti che abbiamo già avuto un precedente episodio cardio-cerebro-vascolare (es. infarto, ictus). Per quanto riguarda i prodotti disponibili sul mercato infine, la Crat ha espresso parere favorevole su otto nuovi farmaci: Invega, Elontril, Celentri, Procoralan, Isentress, Mircera, Ecalta, Binocrit.