Salute: GB, primo test anticancro pelle per tutti i giocatori di cricket

Redazione DottNet | 18/05/2009 17:23

otorinolaringoiatria tumori udito

Tutti i giocatori di cricket professionisti saranno sottoposti per la prima volta, in Gran Bretagna, al test per scoprire le tracce del tumore della pelle. Lo ha deciso la Professional Cricketers Association (Pca), dando vita a un programma di screening mirato, dopo che diversi giocatori australiani si sono dovuti sottoporre a interventi per la rimozione di melanomi.

 

L'Associazione ha organizzato così un programma di prevenzione coinvolgendo dermatologi di diverse strutture, e oltre 300 giocatori. Nel caso di un risultato sospetto, l'atleta dovrà eseguire ulteriori controlli e una visita specialistica. "Molti ragazzi passano del tempo in Australia e Nuova Zelanda", commenta alla Bbc online David Wigeley, del Northamptonchire County Cricket club, sottolineando l'alta incidenza di tumori della pelle in questi Paesi. Secondo lo specialista in oncologia dermatologica, Robert Burd, che sta eseguendo i test per la Pca, questi professionisti passano anche otto ore al giorno al sole, e sono molto esposti ai danni dei raggi. Decisamente più della media, e fin da giovani. Il tumore della pelle è la seconda forma di cancro più comune nei giovani adulti, ricorda Burd, con quasi 200 casi registrati solo in GB ogni giorno. Per questi motivi attualmente ci sono una serie di programmi di prevenzione anche in Italia per ridurre il rischio di inidenza di questo tumore come quello organizzato dal Policlinico Scotte di Siena.