Mezzo milione di professionisti sanitari non hanno un ordine

Redazione DottNet | 22/05/2009 15:30

medicina sanità endoscopia ginecologia laparoscopia

Circa 550mila professionisti di area infermieristica, ostetrica, di riabilitazione, tecnico sanitaria e di prevenzione sono attualmente sprovvisti di un ''Ordine'' che li tuteli e che agisca da garante per la salute del cittadino.

E' il grido d'allarme lanciato dal Conaps (Coordinamento nazionale delle professioni sanitarie) nel corso del convegno nazionale ''La politica ordinata delle professioni sanitarie''. ''I cittadini/pazienti si fidano delle capacità e delle competenze dei professionisti che li hanno in cura e che forniscono prestazioni sanitarie in relazione ai loro bisogni di salute'', sottolinea in proposito il presidente del coordinamento Antonio Bortone, che parla di rischio ''abusivismo'' aggiungendo che ''è fondamentale quindi che gli stessi professionisti della salute siano in possesso di credenziali valide e delle competenze necessarie per curare i pazienti nel rispetto di un codice deontologico''. Per dare avvio alla regolamentazione delle professioni sanitarie la vicepresidente Tiziana Rossetto chiede che si sblocchino i disegni di legge fermi in Parlamento (3 alla Camera e 3 al senato) e invita ''il Governo a mantenere gli impegni assunti in campagna elettorale 2008 e a portarli a compimento''.