Batteri sempre più resistenti ai farmaci

Redazione DottNet | 23/05/2009 15:53

Sempre più difficile sconfiggere alcune infezioni batteriche con gli antibiotici che, per i prossimi dieci anni, vedranno diminuire ulteriormente la loro efficacia. E' quanto emerso dall'ultimo rapporto sulla resistenza agli antibiotici reso noto. L'indagine è stata condotta dall'European Antimicrobial Resistance Surveillance System (Earss), un sistema di sorveglianza e informazione che collega le reti nazionali. Tra le principali cause ci sarebbero l'aumento a livello globale del consumo di antibiotici, l'agevolazione della resistenza dovuta alla diffusione di nuove infezioni, anche legata alle elevate occasioni di trasmissione per l'immigrazione e il commercio globale, e la mancanza di nuovi agenti antibiotici tanto che negli ultimi dieci anni è entrata in commercio solo una nuova classe.
 

- LO STUDIO: l'indagine è un'iniziativa internazionale finanziata dall'European centre for disease prevention and control (Ecdc). In totale, nel 2008, hanno preso parte alla raccolta dati 917 laboratori appartenenti a più di 1400 ospedali in 31 Paesi europei. Complessivamente, l'indagine ha interessato circa un quarto della popolazione europea. In Italia, è stato coperto solo il 4% della popolazione, principalmente a livello di ospedali regionali, il 67% del totale. In tutta Europa sono stati raccolti 2.781.451 campioni di sangue.
- GLI AGENTI PATOGENI: la resistenza dello streptococco, che causa soprattutto infezioni alle alte vie respiratorie in giovani, anziani e pazienti debilitati, ha un carattere dinamico. In Paesi come Turchia e Irlanda la resistenza dello streptococco alla penicillina è in aumento, mentre si riduce in Spagna e Belgio. Lo stesso vale per la resistenza all'eritromicina. La diffusione dello stafilococco resistente, invece, è un problema crescente in molti Paesi. La cosiddetta forma del batterio resistente alla meticillina causa infezioni che spesso costringono a prolungare la permanenza in ospedale e possono anche essere fatali. In otto dei 31 Paesi considerati, le resistenze sono ultimamente migliorate mostrando che gli interventi su larga scala e l'applicazione delle linee guida possono far invertire la situazione. Aumenta anche la resistenza di Escherichia coli a tutte le classi di antibiotici con una tendenza che alla stessa Earss sembra inesorabile. Frequenti sono anche le forme resistenti a quattro antibiotici diversi contemporaneamente. Il problema delle resistenza, infine, riguarda anche vari ceppi di Enterococco, Klebsiella e Pseudomonas.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato