Dosaggio dell'Aspirina durante le prime fasi del trattamento dell'infarto miocardico trattati con fibrinolisi

Cardiologia | Redazione DottNet | 04/08/2008 13:19

Ecco pubblicato un interessante lavoro su Circulation di questa settimana. Il trattamento farmacologico dell'infarto miocardico acuto prevede l'uso di Aspirina con dosaggi molto variabili da reparto a reparto. Il dosaggio corretto è oggetto spesso di discussioni accese durante i congressi.

In questo lavoro australiano si compara il dosaggio di 162 mg verso il tradizionale 325 mg nei pazienti partecipanti agli studi di GUSTO da I a III che venivano trattati con trombolisi sistemica (circa 48,000 pazienti). La gran parte dei pazienti (il 75%) assumeva 162 mg di ASA. Dalla analisi statistica non si sono evidenziate significative differenze tra i due dosaggi di aspirina riguardo la mortalità immediata, a 7 ed a 30 gg. Si è però evidenziato un maggiore rischio di emorragie severe nei pazienti trattati con dosaggi più elevati di aspirina. Pertanto non appare vantaggioso somministrare più di 162 mg di ASA prima della trombolisi sia perchè non si riduce la mortalità totale sia perchè si aumenta il rischio emorragico.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato