Sacconi, dopo lo scorporo maggiore coordinamento tra ministeri welfare e salute

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 26/05/2009 18:20

Per dare attuazione ad alcuni profili del Libro Bianco, ''come l'integrazione dei servizi socio-sanitari, sono già d'accordo con il vice ministro Ferruccio Fazio che quando il ministero della Salute sarà scorporato e tornerà ad avere la sua autonomia faremo partire una forma di coordinamento tra le due amministrazioni, quella del Welfare e quella della Salute''.

Lo ha annunciato il ministro del Welfare Maurizio Sacconi intervenendo in audizione davanti alla commissione Sanità del Senato per fare il punto sul Libro Bianco in tema di salute. Il ministro si è detto ''soddisfatto della larga adesione'' avuta sul Libro e ha aggiunto che ''il Governo proporrà azioni numerose di breve e lungo periodo''. Nello specifico, ha continuato il ministro, ''a valle del Libro Bianco'' ci sono ''numerose azioni che andranno verificate: penso al nuovo 'Patto per la salute' per il triennio 2010-2012, alla redazione del piano sanitario e all'ipotesi di linee guida sulla autosufficienza, che dovrebbero essere oggetto di confronto in conferenza Stato-Regioni''. Per questo, ha concluso Sacconi, ''credo che sarebbe di utilità comune non guardare a questo testo con gli occhi del pregiudizio''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato