Riprende a camminare grazie al Botox

Redazione DottNet | 05/06/2009 16:36

Un uomo, paralizzato da più di 20 anni a causa di un ictus, è tornato a camminare grazie ad iniezioni di botulino.

Protagonista di questo caso, sorprendente anche a detta dei medici, è Russel McPhee, australiano di Gippsland (Victoria), 49 anni e paralizzato dall'età 26 anni. A riportare la vicenda è il quotidiano 'Times'. ''Mi avevano detto che non avrei più camminato - racconta McPhee - e pensavo che sarei morto sulla mia sedia a rotelle''. Invece ora è capace di camminare da solo per quasi 20 metri, e 100 metri con l'aiuto del deambulatore. E tutto questo grazie alle iniezioni di tossina botulinica, praticategli all'ospedale St John of God Nepean Rehabilitation a Frankston. Già dopo un mese dalla prima iniezione, è riuscito a stare in piedi e camminare per pochi metri con l'aiuto di sostegni laterali. Ora riesce a farlo da solo per tutta la lunghezza di una stanza. Il botox , oltre che a scopo estetico, già da tempo è adoperato per alcuni tipi di paralisi associate agli ictus e per curare gli spasmi muscolari. La cosa che colpisce è che in questo caso gli effetti positivi si sono avuto dopo un tempo così lungo dall'ictus. Ma ''senza la straordinaria forza di volontà di Russel McPhee - spiega il suo medico Nathan Johns - non ci sarebbe stati questo risultato. Il botox infatti riduce la rigidità muscolare, ma indebolisce anche i muscoli, ostacolando la ripresa di una grande mobilità. Ma Russel ha un'insolita potenza muscolare''. La tossina botulinica gli è stata iniettata direttamente nei muscoli 18 mesi fa, e già 10 giorni dopo i muscoli hanno iniziato a rilassarsi. ''In 12 settimane - conclude il medico - e grazie ad un intensivo programma di fiosioterapia, c'è stato un notevole miglioramento''.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato