La carta dei servizi delle Asl è ancora un miraggio

Sanità pubblica | Redazione DottNet | 05/06/2009 18:38

Giudizio negativo per le 'Carte dei servizi' nelle asl. A 15 anni dalla loro introduzione nella pubblica amministrazione, un monitoraggio realizzato dalle Acli riscontra la loro ''sostanziale inadeguatezza''.

Sono infatti poco più della metà (54%) le Asl che mettono a disposizione dei cittadini sul proprio sito la Carta dei servizi. Pochissime le Carte con l'indicazione degli standard qualitativi. L'indagine ha monitorato 115 siti internet su un totale di 196 asl. Il risultato è che le Carte dei servizi, nate per garantire trasparenza ed efficienza delle strutture pubbliche nei confronti dei cittadini, ''sono elaborate da poco più di una Asl su due - spiega l'Acli in una nota - Nel 37% dei casi non c'è traccia alcuna del documento sul sito della Asl''. In altri casi (5%) la Carta dei servizi viene citata, ma non è consultabile. Il 4% delle Aziende sanitarie ha scelto invece di elaborare documenti alternativi. Tra le Carte prodotte dalle Asl, appena 2 su 10 sono conformi alle norme che prevedono l'indicazione degli standard qualitativi (tempi di attesa, tempi di erogazione dei servizi, numero delle prestazioni) e la verifica di questi parametri nel tempo. Il 51% delle Carte dei servizi non riporta la data, il 12% è stato redatto tra il 2002 e il 2006, e mai più aggiornato, mentre solo il 36% è stato rivisto dal 2007 a oggi.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato