L'Istituto europeo di oncologia esporta in tutta Italia il suo modello

Oncologia | Redazione DottNet | 08/06/2009 17:18

Tanti 'Mini-Ieo' sorgeranno in Italia, soprattutto nelle regioni centro-meridionali. Il primo della serie sarà realizzato in Puglia, nella zona di Lecce, a partire dall' autunno.

Lo ha annunciato l' amministratore delegato dell'Istituto Europeo di Oncologia, Carlo Ciani, incontrando i giornalisti in occasione dell'IEO Day 2009, la giornata i cui viene fatto il punto annuale sull' attività dell'istituto fondato da Umberto Veronesi, che in questi giorni festeggia il 15/o compleanno. Un istituto che in questi anni è diventato un punto di riferimento nel panorama oncologico europeo e mondiale, tanto che oggi il 50% dei suoi pazienti arrivano da fuori regione. ''Ma è assurdo - osserva Ciani - che per fare un ciclo di chemioterapia una persona debba venire a Milano da Reggio Calabria e sopportare il disagio che questo comporta. Da qui l'idea di 'esportare il modello Veronesi' e andare noi sul territorio nazionale per mettere a disposizione la nostra esperienza e permettere alle persone di non spostarsi e fare le terapie a casa loro''. Gli specialisti dell'IEO hanno già fatto un'indagine per identificare le zone in cui c'è una maggiore esigenza di questo tipo di interventi e ne hanno già selezionato alcune. ''L'idea - precisa l'Ad dell'Istituto - è quella di appoggiarci a studi multispecialistici, nei quali aprire dei corner in cui realizzare delle piccole strutture (non più di 4-5 persone) con uno o due medici e gli infermieri. Verranno trattate soprattutto la parte diagnostica (mammografie) e chemioterapica delle patologie oncologiche femminili (una sorta di 'punto donna')''. Per Ciani, ''la speranza è di poterne fare tre o quattro all'anno e cominciare questo autunno, coprendo soprattutto l' Italia centro-meridionale. Sarà sempre l'Ieo a finanziare e a sostenere questi Centri: noi pensiamo a persone che vengano formate qui, rigorosamente con i nostri protocolli; e le strutture saranno regolarmente 'ispezionate' da nostri controllori, in modo che chiunque si rechi in questi centri possa dire 'ho una prestazione IEO' ''. Nato nel maggio 1994, per volontà di Umberto Veronesi ed Enrico Cuccia, l'IEO conta 20 soci - appartenenti a gruppi bancari, assicurativi e industriali - che dalla fondazione hanno investito circa 166 milioni di euro senza alcuna aspettativa di ritorno economico perchè per statuto tutti gli utili di esercizio sono sempre investiti in ricerca.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato