Tumori: USA, un malato su 10 preoccupato per costo farmaci

Redazione DottNet | 10/06/2009 16:18

La crisi economica negli Stati Uniti rischia di moltiplicare l'ansia dei malati di tumore. Il 10% dei pazienti coinvolti in una sperimentazione clinica - e sotto chemio per un cancro al colon - è preoccupato per la spesa necessaria all'acquisto di medicinali per ridurre gli effetti collaterali della chemio, gli antibiotici e gli analgesici. Lo rivela uno studio che inizialmente ha coinvolto 1.400 pazienti, diretto da Deborah Schrag, del Dana Farber Cancer Institute e presentato al meeting dell'Asco (American society of clinical oncology) 2009, in corso a Orlando (Florida).
 

Si tratta di una preoccupazione ancora tabù, di cui non si parla con il medico. Inoltre se la maggioranza rifiuta di preoccuparsi anche per le questione di denaro, il 15% arriva a centellinare i medicinali, ricorrendo al fai-da-te e riducendo le dosi, per risparmiare. "Negli Usa secondo uno studio il 15% dei pazienti non ha una copertura assicurativa per i farmaci da prescrizione - sottolinea la Schrag - ma non ha davvero senso arrovellarsi in silenzio. Se c'è una preoccupazione - dice - è bene parlarne con il proprio medico. Possono esserci delle possibilità per alleviare, anche in parte, il peso economico di queste cure". L'attuale clima economico, con sempre meno assicurazioni e farmaci innovativi ma cari, rischia di aumentare l'ansia nei malati, sempre più in difficoltà.