Ricerca: la mappa dei batteri della pelle, su braccia oltre 40 specie

Redazione DottNet | 15/06/2009 10:20

batterio micro-ambienti ginecologia ossa osteoporosi

La pelle umana ospita un ecosistema di batteri ricco e molto diversificato. Oltre 209 tipi diversi di microrganismi che abitano in tre differenti micro-ambienti:oleoso, secco e umido. Il maggior numero di specie batteriche si trovano sull'avambraccio, circa 44 tipi diversi. Il minore dietro le orecchie (19 specie).
 

A tracciare la mappa degli 'abitanti' della pelle umana lo studio sul 'microbioma cutaneo' (insieme dei genomi dei batteri), condotto da Julia Segre del National Human Genome Research Institute (NHGRI) di Bethesda e pubblicato sulla rivista 'Science'. La mappatura, secondo gli esperti, sarà utile a capire meglio malattie come eczema, psoriasi, acne, infezioni antibiotico-resistenti. La pelle rappresenta un vero e proprio microcosmo, diverso per ciascun individuo. E' anche la 'prima linea' di difesa contro le infezioni e le ferite. La sua salute, fondamentale per l'intero organismo, dipende da un equilibrio delicato, spiegano i ricercatori, tra le cellule che la costituiscono e i milioni di batteri e microbi che vivono sulla sua superfice. Da qui la necessità di conoscere meglio gli 'abitanti' della nostra pelle, sequenziando il loro Dna. E i risultati dello studio hanno dimostrato un'enorme ricchezza. Per scoprirlo i genetisti hanno preso campioni di pelle da 20 zone del corpo di dieci individui sani. Hanno analizzato il materiale genetico e attraverso i dati a disposizione hanno ricostruito quali specie abitano la superficie delle diverse zone del corpo. Aree divise in tre'microambienti': oleoso (tra le sopracciglia, sotto il naso, nelle orecchie), umido (nelle narici, sotto le ascelle), secco (interno delle braccia, glutei). "Abbiamo selezionato le zone della pelle predisposte ad alcune patologie (eczema, psoriasi, acne e altre) nelle quali i batteri sono da molto tempo sospettati di giocare un ruolo attivo ", spiegano i ricercatori che sperano, con questa ricerca, di aver gettato le basi per mettere a punto strategie innovative per trattare e prevenire le malattie della pelle.