Da Repubblica: Dietrofront su polizze, credito e farmacie la controrivoluzione che penalizza i cittadini

Farmacia | Redazione DottNet | 17/06/2009 14:31

Assicurazioni, banche, farmacie, trasporti, difesa dei consumatori: eccolo, settore per settore, lo «stillicidio» di leggi anti concorrenza denunciato dall´Antitrust. Il governo ha raramente preso posizione lasciando piena libertà a proposte di legge ed emendamenti dei singoli appartenenti alla maggioranza. Le associazioni dei consumatori accolsero le varie "lenzuolate" dell´allora ministro Pierluigi Bersani stimando risparmi per 1000 euro l´anno per le famiglie. Dopo due anni metà di quelle misure sono state o accantonate o sono pesantemente minacciate.
 

La vicenda più attuale evocata dal presidente Antonio Catricalà è il ddl Gasparri-Tommasini dove si misurerà la controffensiva delle lobbies sulla liberalizzazione dei farmaci di banco. L´Antitrust sintetizza così i benefici prodotti: «In tre anni sono stati aperti quasi tremila corner e parafarmacie. La loro quota di mercato è vicina al 6% dei farmaci di automedicazione. Lo sconto praticato ha margini tra il 3% e il 22,5%. I farmacisti nuovi occupati sono circa cinquemila». Una parentesi che le farmacie tradizionali premono per chiudere ritornando all´esclusiva: «Stiamo ripensando il ruolo dei canali di vendita delle medicine» ha ammesso il ministro della Salute Ferruccio Fazio. Per evitare tensioni, nel Pdl si pensa all´ennesima sanatoria: chi ha aperto una parafarmacia avrà 10 anni per convertirsi o tentare di ottenere lo status di farmacia.
Sulle assicurazioni il ritorno al monomandato (un agente può vendere polizze di una sola compagnia) è stato accantonato dopo essere stato proposto nel ddl Sviluppo. Il provvedimento, che doveva essere approvato alla Camera senza ulteriori modifiche, ora sembra di nuovo un cantiere aperto, segno che anche questo pericolo non è scampato. Invece sta per sparire la possibilità di disdire la polizza auto ogni anno per cercare offerte migliori. Salvati dai tentativi di abolizione anche i tetti antitrust che impediscono all´Eni di riconquistare il monopolio nazionale nella distribuzione del gas.
Il governo si è speso direttamente per trasformare la Class action in "un´eterna promessa", il meccanismo che dovrebbe difendere i consumatori dalle ingiustizie e dalle truffe subite dalle imprese non solo non potrà più essere utilizzata per tutto quello che è successo negli anni passati, ma dovrà aspettare l´approvazione definitiva della legge per essere utilizzabile con un ritardo di tre anni dall´introduzione nel nostro ordinamento.
Oltre alle liberalizzazioni ribaltate ci sono quelle solo depotenziate: la riforma delle professioni è stata appaltata direttamente agli ordini professionali con l´effetto di far sparire l´effetto calmierante sulle tariffe e far sparire la questione dall´agenda politica. Poi ci sono i taxi, fieri avversari delle lenzuolate, che hanno ottenuto dal cambio di maggioranza norme che limitano la concorrenza dagli autisti (o Ncc, noleggio con conducente). Sempre nei trasporti rimandata la concorrenza nei trasporto ferroviario, con l´allungamento dei contratti tra Fs e amministrazioni regionali, nonostante proprio quella nei servizi pubblici locali sia l´unica liberalizzazione perseguita, almeno nelle dichiarazioni, dal Pdl.
Ma non è solo colpa delle norme: la commissione di massimo scoperto sui fidi bancari, abolita per legge, è stata sostituita praticamente da tutti gli istituti con altre voci che sommate superano il costo precedente; gli imprenditori protestano, ma il fronte delle banche si muove compatto.
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato