Componenti nutrizionali e malattia di Alzheimer

Redazione DottNet | 04/08/2008 15:01

Sempre maggiore l’evidenza di correlazione tra carenze nutrizionali e rischio di malattia di Alzheimer. In pazienti affetti da tale patologia può essere riscontrabile una carenza specifica di macro- e micronutrienti come acidi grassi omega-3, vitamina B ed antiossidanti come vitamina E e vitamina C.

Studi recenti effettuati su sistemi cellulari o modelli animali sostengono l’ipotesi che componenti nutrizionali siano in grado di neutralizzare funzioni dei processi neurodegenerativi e patologici a livello cerebrale. E’ stato inoltre dimostrato che alcuni componenti nutrizionali possano efficacemente stimolare la formazione delle membrane e la formazione di sinapsi e migliorare il comportamento e la salute cerebrovascolare. Studi sperimentali in modelli animali supportano il sinergismo tra componenti nutrizionali e plasticità e funzionalità cerebrale. La capacità di stimolare la formazione di sinapsi e ridurre effettivamente la neuropatologia nella malattia di Alzheimer in modelli preclinici, fornisce solide basi per poter predire il potenziale modificarsi del processo patologico durante la malattia di Alzheimer, in particolare durante le fasi iniziali della malattia.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato