Attesa per verdetto commissione Ue su concorrenza l'8 luglio

Redazione DottNet | 19/06/2009 13:46

brevetto

Industria farmaceutica europea col fiato sospeso in attesa del verdetto finale della Commissione Ue atteso l'8 luglio prossimo sulla situazione del settore quanto a concorrenza.

Lo scorso novembre, infatti, il commissario Neelie Kroes aveva ripreso alcune aziende sulla base dei risultati preliminari di un'indagine che metteva in evidenza come esse fossero colpevoli di ostacolare l'entrata in commercio di farmaci generici.
La Commissione europea fece notare come il rallentamento dell'arrivo sul mercato di medicinali equivalenti sia costato ai sistemi sanitari europei circa tre miliardi di euro fra il 2000 e il 2007. Ma secondo le industrie la colpa è degli iter regolatori macchinosi e lenti, piuttosto che di azioni messe in atto dalle società farmaceutiche. Thomas Cueni, che guida la taskforce concorrenza della European Federation of Pharmaceutical Industries and
Associations, confida nel fatto che la Commissione europea, nel report finale, terrà maggiormente conto di questo elemento. E secondo Cueni ci potrebbero anche essere un paio di sorprese positive, come il ritorno a un brevetto europeo unico sui farmaci e l'introduzione di un sistema specializzato per le controversie che sorgono proprio a causa della protezione commerciale sui prodotti medicinali.