Trattamento dell'osteomielite cronica con antibiotici carichi di cemento di fosfato di calcio

Redazione DottNet | 25/06/2009 11:59

Uno studio svolto presso il “Department of Orthopedics,Yiwu Central Hospital, Yiwu” in Zhejiang (Cina) ha analizzato il trattamento dell’ osteomielite cronica con antibiotici contenenti cemento di fosfato di calcio. In particolare, è stato analizzato il sistema a rilascio ritardato dell’ antibiotico che ha le caratteristiche degli antibiotici locali ad alta concentrazione, pochi effetti avversi, un lento rilascio e una lunga durata d’ azione, e proprio grazie a queste sue caratteristiche, è diventato un importante metodo per il trattamento dell’osteomelite cronica.

Grazie alla sua doppia azione sia come farmaco carrier che come farmaco che effettivamente si ripartisce nelle ossa dove induce poi la crescita dell’ osso stesso, i farmaci contenenti il cemento di fosfato di calcio (diCPC) sono un ideale sicuro di antibiotici carrier a lento rilascio. Dopo aver messo bene a fuoco i difetti degli impianti si è arrivati alla conclusione che il trattamento con diCPC è efficace, poiché ha il grande vantaggio di avere un funzionamento conveniente, buoni effetti, un buon assorbimento e numerosi altri aspetti positivi che lo portano ad essere uno dei farmaci di scelta per questa patologia. Lo studio qui presentato si è prefissato l’ obbiettivo di riassumere le proprietà biologiche, tutti i vari esami sperimentali svolti fin ora sui diCPC e le varie applicazioni cliniche che li vedono coinvolti.

Per saperne di più:

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato