Progressi nell'ingegneria del tessuto osseo

Ortopedia | Redazione DottNet | 25/06/2009 12:05

Uno studio, effettuato presso il “Department of Orthopaedic Surgery, Zhongshan Hospital of Fudan University”a Shanghai (Cina), ha posto particolare attenzione sugli attuali progressi fatti dall’ ingegneria tissutale, in particolare, il ruolo svolto in quest’ ambito dai tessuti ossei.

Solitamente viene effettuata l’osteoblasti, una matrice extracellulare artificiale e fattori osteoinduttivi che promuovono l’ attaccamento cellulare, la differenziazione e la mineralizzazione delle ossa. Si evidenziano a tal proposito almeno tre problemi annessi a queste tecniche ossia: la cultura osteoblastica in vivo e in vitro, gli studi di “scaffold” e la regolazione dei diversi fattori. I difetti ossei causati da traumi, tumori ed infiammazione sono purtroppo problemi frequenti e ricorrenti in clinica ortopedica. Molti di essi possono essere risolti possono essere risolti con la produzione artificiale di tessuti. In particolare, negli ultimi anni, si è registrato un rapido incremento nello sviluppo dell’ ingegneria tissutale, soprattutto dell’ ingegneria del tessuto osseo. Nonostante tutto, esperimenti sul corpo umano sono stati fatti molto raramente, ed inoltre in clinica l’ ingegneria tissutale non è stata ancora molto sfruttata.

Per saperne di più:

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato