Tumori: cancro alla bocca sempre più 'rosa', complici fumo e alcol

Redazione DottNet | 25/06/2009 13:00

Innamorate delle 'bionde' e attratte dai drink, un tempo vizio a esclusivo appannaggio maschile. Le donne pagano caro la loro rivoluzione sul fronte degli stili di vita: "sono ormai le più colpite dal cancro alla bocca", spiega Francesco Nocini, direttore di chirurgia maxillo-facciale e odontostomatologica dell'università di Verona, nel corso di una conferenza stampa a Roma dove è stato presentato il World Oral Health Day, in programma il 12 settembre con appuntamenti in tutto lo Stivale promossi dall'Associazione dentisti italiani (Andi).

"L'abitudine al fumo, sempre più diffusa nel gentil sesso, e quella al consumo di alcolici - spiega l'esperto - hanno creato una miscela esplosiva, facendo schizzare l'incidenza di un tumore che un tempo colpiva per lo più uomini". Del resto, 'bionde' e drink hanno un
ruolo di primo piano nella diffusione di questa neoplasia. "Fumare meno di 15 sigarette - spiega infatti Nocini - aumenta il rischio di ammalarsi di 3-4 volte. Pericoli che crescono di ben 9-10 volte se si superano le 15 'bionde'. Ma se c'è interazione tra le due cose, con il
vizio del fumo che si abbina al consumo di alcolici, i rischi possono aumentare fino a 50-100 volte". Senza contare, inoltre, "che a parità di consumo di alcol - ricorda il chirurgo - gli effetti sulle donne sono di gran lunga più potenti". Ma tra quelle costrette a fare i conti con il cancro alla bocca, "dobbiamo ricordare - ci tiene a precisare Sergio Gandolfo, direttore di chirurgia odontostomatologica all'università di Torino - che c'è un 30% di pazienti che non ha mai fumato, nè tantomeno consumato alcolici". Alle prese con una terribile neoplasia, dunque, nonostante un curriculum immacolato che le vede libere da ogni vizio. "E' la cosa più assurda - aggiunge Nocini - è che in queste pazienti, solitamente, la neoplasia si presenta nelle forme maggiormente aggressive". Tornando invece ai possibili colpevoli che siedono sul banco degli imputati, tra questi si fa spazio anche il Papillomavirus, responsabile del tumore alla cervice uterina. "E' un'ipotesi tutt'altro che scartabile - spiega Roberto Callioni, presidente dell'Associazione nazionale dentisti italiani (Andi) - tant'è che la ricerca continua su più fronti. Anche noi dell'Andi, in collaborazione con la comunità di San Patrignano e l'università di Cagliari, stiamo portando avanti degli studi per provare un eventuale link".
 

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato