Abuso di tabacco denuncia una significativa riduzione della sopravvivenza dei pazienti con carcinoma orofaringeo

Redazione DottNet | 29/06/2009 12:32

In Germania nel “Department of Otorhinolaryngology, Klinikum Grosshadern, Marchioninistrasse 15, Ludwig-Maximilians University” è stato realizzato uno studio per valutare l’ impatto del fumo e dell’ alcol sui pazienti con carcinoma orifaringeo, analizzando 809 casi.

Già alla prima diagnosi sono stati forniti i paramentri prognostici e informazioni relative all’abitudine del paziente a bere alcolici e a fumare. Il tasso di sopravivenza al decimo anno è stato del 45,5%, mentre il 33,4% dei pazienti ha avuto una ricaduta libera. La maggior parte dei pazienti ha una storia come fumatore alle spalle o è ancora un fumatore (92% dei casi), mentre solo nell’ 8% dei casi non si tratta di fumatori. E’ stato particolarmente interessante scoprire una significativa riduzione del tasso di sopravvivenza di 10 anni nei fumatori (28.8%) rispetto ai non fumatori (43,1%) e rispetto agli ex-fumatori (P=0.0007). Questo studio presenta i dati di una gran parte dei pazienti con carcinoma orofaringeo fornendo un chiaro rapporto tra il consumo dell’ alcole e del tabacco ed il significativo peggioramento al quale porta.

Per saperne di più:

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato