Tumori: uccidono più uomini che donne, mortalità più alta del 40%

Redazione DottNet | 30/06/2009 12:01

tumori

Nella lotta al cancro le donne hanno una marcia in più, o meglio maggiori possibilità di spuntarla. Gli uomini, infatti, hanno il 40% di probabilità in più di morirne e rischiano il 16% in più di ammalarsi. E non è tutto. Prendendo in esame i tumori che colpiscono entrambi i sessi, come il cancro allo stomaco e quelli al fegato e all'intestino, il sesso forte ha il 60% di probabilità in più di sviluppare la malattia e il 70% in più di non sopravviverne. A rivelarlo è uno studio del Cancer Research Uk, destinato a far discutere.
 

Anche perché le donne non 'staccano' gli uomini per motivi biologici o genetici. Semplicemente - spiegano gli esperti britannici - sono più attente, mentre gli uomini appaiono più indisciplinati sul fronte della prevenzione e riluttanti nell'adottare stili di vita sani. Non vanno dal medico quando c'è qualcosa che non va, e in generale si recano meno dal camice bianco per sottoporsi a controlli e visite di routine. Tutti fattori che stanno allargando la forbice tra i due sessi sul fronte dell'incidenza e della mortalità dei tumori. Proprio perché - ricordano gli esperti del Cancer Research - la metà dei tumori si può prevenire adottando sane abitudini, dunque mettendo al bando il fumo, riducendo al minimo l'alcol, adottando una dieta equilibrata e dedicandosi allo sport, con un occhio sempre vigile all'ago della bilancia. Per giungere alle loro conclusioni, gli studiosi hanno passato in rassegna i dati di tutti i tumori che hanno colpito in Gran Bretagna dal 2006 al 2007.