Fimmg, esito positivo per i ricorsi del rimborso Irap

Sindacato | Redazione DottNet | 08/07/2009 16:53

Medici di medicina generale e lavoratori autonomi non sono la stessa cosa. E' questo, in sintesi, il pronunciamento della Commissione tributaria provinciale di Torino sui ricorsi fatti dai medici per l'ottenimento del rimborso dell'IRAP versata.

Se per certe caratteristiche l'organizzazione può essere infatti definita ''autonoma'', il medico di medicina generale, come afferma la Federazione dei medici di medicina generale in una nota, ''nell'esercizio della sua attività in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, non riceve alcun effetto propulsivo economicamente apprezzabile'' e non può quindi essere mai assoggettabile ad IRAP. ''Tra qualche giorno'', commenta Carmine Scavone, vice segretario nazionale vicario della FIMMG,''si conoscerà nel dettaglio il testo delle sentenze, ma già ora è possibile cogliere l'importanza di tale orientamento che, se confermato, rappresenta l'efficacia della FIMMG a tutela dei diritti ai rimborso del tributo per l'intera categoria''. La Fimmg sottolinea infine che, per le caratteristiche proprie della sua attività, l'organizzazione non può mai assumere la qualifica di ''autonoma'' e che la tipica motivazione con cui si esclude l' assoggettamento ad IRAP del libero professionista, in questo caso riguarda per intero la categoria dei medici di medicina generale e non casi singoli.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato