Una nuova opzione di trattamento contro l'invecchiamento della pelle

Dermatologia | Redazione DottNet | 05/08/2008 12:36

Un danno del DNA, come risultato dell’esposizione a raggi UV, gioca un ruolo importante nella progressione dell’invecchiamento cutaneo.

Acido folico e creatina rappresentano un’ottima associazione per dar luogo a formulazioni in grado di combattere i segni clinici del prematuro invecchiamento cutaneo ed avere un’azione protettiva e di riparazione del DNA. Sono stati effettuati studi in vivo ed in vitro per provare l’efficacia della suddetta associazione nel migliorare il tournover cutaneo ed avere un effetto protettivo sul DNA cellulare, oltrechè ridurre le rughe cutanee consentendo alla pelle di mantenere la propria elasticità. Sono state effettuate valutazioni cliniche dermatologiche prima e dopo trattamento della cute con acido folico e creatina. L’applicazione topica in vivo della formulazione ha esplicato un’azione protettiva contro i raggi UV, aumentato la tenacità della pelle e ridotto le rughe in confronto ad aree cutanee di controllo non trattate. In particolare è stata riscontrata una riduzione delle rughe nelle zone perioculari, oltrechè una riduzione generale della rugosità. Dunque, oltre che un miglioramento delle proprietà biomeccaniche della pelle, la formulazione topica acido folico e creatina rappresenta una valida opzione di trattamento del fotoinvecchiamento cutaneo.

I Correlati

I Correlati

Widget: 91798 (categoria) non supportato